Tutto ciò che devi sapere sul GDPR

Tutto ciò che devi sapere sul GDPR

Spesso sentiamo parlare di GDPR ma forse mai in maniera sufficientemente comprensibile ed esaustiva. Ecco perché oggi ti racconteremo tutto ciò che è utile sapere sul Regolamento Europeo che tutela tutti noi in merito al trattamento dei dati personali. Cominciamo!

Che cos’è il GDPR e da chi deve essere applicato

Il regolamento Europeo 2016/679, anche noto come GDPR (General Data Protection Regulamentation) è un Regolamento approvato il 14 aprile 2016 ed entrato in vigore il 25 aprile 2016 dello stesso anno.

Il GDPR, come ogni Regolamento Europeo, è un atto giuridico obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri dell’Unione Europea. Il GDPR stabilisce le norme relative al trattamento dei dati personali delle persone fisiche, quindi diritti e doveri nella gestione del dato.

Questo regolamento è stato stilato per le aziende e per tutte le attività riguardanti l’offerta di beni, la prestazione di servizi e il monitoraggio del comportamenti di soggetti, che hanno come target utenti all’interno dell’Unione Europea.

Origine e definizione del concetto di Privacy

Prima di parlare di trattamento dei dati personali dobbiamo fare un passo indietro e chiarire il famoso concetto di Privacy. Nel 1890, due giuristi statunitensi, Louis Brandeis e Samuel Warren, pubblicano l’articolo “The Right of Privacy” sulla rivista giuridica Harward Law Review, definendo espressamente tale concetto come “il diritto ad essere lasciati da soli”. Attraverso queste parole esprimevano il desiderio di una propria ed inviolabile intimità, in particolare durante la vita mondana.

Oggi la Privacy è il diritto che garantisce a tutte le persone la tutela dei propri dati personali e la consapevolezza di come verranno utilizzati dagli enti e dalle attività.

Cos’è un dato personale?

dati personali sono informazioni private che identificano o possono identificare una persona. Ecco alcuni esempi:

  • Nome e cognome
  • Indirizzo di residenza
  • Indirizzo e-mail e numero di telefono
  • Numero di patente/carta d’identità/passaporto
  • Numero di targa del veicolo
  • Numero di carta di credito
  • Impronta digitale/calligrafia
  • Informazioni genetiche

Dentro la categoria dei dati personali esistono dati che, per le loro caratteristiche, sono particolarmente delicati e devono essere trattati con una maggiore cura. Sono quelli che chiamiamo dati sensibili:

  • Dati relativi alla salute
  • Dati relativi all’orientamento sessuale
  • Origine etnica di una persona
  • Opinioni politiche
  • Dati giudiziari
  • Convinzioni religiose
  • Appartenenza sindacale

Gli ambiti in cui è applicabile il GDPR

Vediamo ora alcuni dei contesti in cui il Regolamento Europeo che protegge i nostri dati personali può essere applicato:

  • Chiamate dagli operatori telefonici o dalle compagnie di energia elettrica
  • Laboratori medici che chiamano i pazienti per nome senza utilizzare il numero
  • E-mail o newsletter a cui non ci si è iscritti
  • Immagini postate sui social utilizzate per schernire o insultare
  • Divulgazione di fatti e informazioni private (stato di salute, orientamento sessuale e politico)
  • Conversazioni private inoltrate a terzi

Cosa deve indicare il GDPR?

Chiunque abbia una sede legale all’interno dell’UE ed offra beni e servizi a soggetti che vivono, risiedono e hanno domicilio nel territorio dell’Unione Europea deve adeguarsi al GDPR raccogliendo i dati personali dei propri clienti in maniera adeguata. Cosa deve dichiarare quindi nel momento della raccolta dei dati?

Dovranno essere specificati:

  • Il nome del titolare del trattamento, ovvero chi andrà a gestire i dati. Per un’azienda il titolare dei dati è l’azienda nel suo complesso, non il legale rappresentante.
  • Le finalità per cui verranno raccolti i dati, come la vendita di un servizio, l’inoltro al commercialista per la contabilità o all’avvocato per questioni legali.
  • soggetti a cui saranno trasmessi.
  • diritti dell’utente quali la cancellazione, il diritto alla portabilità e all’oblio.

Perché è importante adeguarsi al GDPR?

I motivi per cui è fondamentale adeguarsi al GDPR sono numerosi. Ecco i più importantI:

  • Il Regolamento Europeo è di fatto una legge e in quanto tale deve essere rispettata e prevede delle sanzioni importanti.
  • Perché il mancato rispetto di tale legge può diventare un danno di immagine enorme nel confronti dell’azienda o, al contrario, un beneficio molto positivo.
  • Perché grazie alla corretta applicazione del GDPR è possibile svolgere attività di marketing in tutta sicurezza mettendo l’utente finale nella condizione di sentirsi al sicuro e più propenso all’acquisto.
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.